Privacy Policy

Casa di Cura Villa Maria

Casa di Cura Villa Maria

La Casa di Cura “Villa Maria” nasce nel 1952 come struttura sanitaria convenzionata al servizio della città di Campobasso.

Lo stabile sede dell’attività, di stile liberty, si presenta dal punto di vista architettonico come uno degli edifici più belli della città.

 

La struttura offre, in regime di accreditamento con il Servizio Sanitario Nazionale ed in regime privatistico, prestazioni di Ricovero ordinario per acuti, Day Hospital/Day Surgery e prestazioni di Chirurgia Ambulatoriale Complessa.

 

La Casa di Cura Villa Maria eroga, altresì, prestazioni di Laboratorio di Analisi Cliniche in regime di accreditamento con il S.S.N.

Tali prestazioni vengono fornite anche in regime privatistico.

La struttura eroga, in regime esclusivamente privatistico, prestazioni specialistiche ambulatoriali e prestazioni di Diagnostica per Immagini.

La Casa di Cura mira a fornire all’utenza le migliori cure in un clima di umanizzazione orientato alla soddisfazione dei pazienti, grazie alla professionalità e alla dotazione tecnologica d’avanguardia di cui dispone.

 

Obiettivo è tutelare, migliorare e promuovere la salute dei cittadini.

INFORMATIVA SU TEST DI SCREENING EMATICI COVID-19

Nell’ambito delle attività di contrasto volte al contenimento dell’infezione pandemica da corona-virus, la Casa di Cura Villa Maria di Campobasso intende offrire all’utenza la possibilità di sottoporsi ad indagini laboratoristiche, eseguibili con un semplice prelievo di sangue, finalizzate alla ricerca di anticorpi IgG e IgM specifici per corona-virus CODIV-19 (anche definiti virus SARS CoV-2).

Il test diagnostico usato dal nostro laboratorio utilizza una metodologia diagnostica basata su tecnica di immuno-cromatografia rapida, campionabile su sangue intero, siero o plasma (azienda fornitrice Bio Plastic Sas – Roma).

Tali indagini hanno valore esclusivamente clinico-epidemiologico. I risultati del test vanno valutati da personale sanitario (medico di famiglia, infettivologi etc) e, in caso di esito positivo, vanno OBBLIGATORIAMENTE trasmessi alle autorità sanitarie territorialmente competenti, in maniera da attivare le opportune misure finalizzate alla individuazione dei casi positivi al coronavirus ed al contenimento del contagio.

Si ribadisce che di fronte a un sospetto di infezione da SARS-CoV-2 l’esame dirimente è la Real Time PCR (meglio conosciuta come TAMPONE naso-faringeo), da eseguirsi ESCLUSIVAMENTE nei laboratori di riferimento regionali (per la Regione Molise attivato da ASREM presso il Presidio Ospedaliero “A. Cardarelli” di Campobasso).

Il test ematico rapido, effettuato su campioni di sangue, di fatto ricerca gli anticorpi specifici che l’organismo produce contro il virus, che sono di due classi: IgM o IgG.

A distanza di alcuni minuti dal prelievo del sangue, a secondo delle diverse specifiche del Kit utilizzato, il test consente di rilevare se sono presenti anticorpi anti-coronavirus nelle due tipologie:

1) immunoglobuline M, che marcano la risposta immunitaria precoce;
2) immunoglobuline G che marcano la risposta immunitaria tardiva.

 

Sulla base della letteratura e delle evidenze scientifiche, attualmente disponibili, le IgM compaiono nell’arco di alcuni giorni dal contagio (in genere dopo 3-7 giorni; max 14 giorni). Esse vengono prodotte velocemente dall’organismo e altrettanto velocemente scompaiono, pertanto, una positività del test alle IgM può essere indicativa della presenza ancora in corso del coronavirus nell’organismo del soggetto che ha avuto l’infezione (sensibilità relativa 86,8% – specificità relativa 98,6% *).

La positività del test alle sole IgG, in individui asintomatici, indica in genere l’avvenuto pregresso contatto con il virus ed il superamento dell’infezione; la presenza di IgG nel sangue, ad esempio, ci dice che la persona può avere avuto l’infezione da Sars-CoV2 anche diverse settimane/mesi prima del test (sensibilità relativa 97,% – specificità relativa 99,3% *).

I risultati possibili alternativi che tale test può dare sono pertanto rappresentati:

a) il test risulta negativo alla ricerca delle immuno-globuline IgG e IgM;
b) il test risulta positivo alla ricerca delle immuno-globuline IgG e IgM;
c) il test risulta positivo alla ricerca delle solo immuno-globuline IgG;
d) il test risulta positivo alla ricerca delle solo immuno-globuline IgM.

 

Questi test sul sangue stanno esclusivamente ad indicare chi è venuto a contatto con il virus.

In alcun modo tale metodica può sostituire l’indagine molecolare mediante tamponi orofaringei che invece servono ad avere la diagnosi di positività all’infezione o, nel momento in cui una persona è guarita clinicamente, a verificarne l’eventuale livello di contagiosità residua.

 

 

 

(*) Li et al. Development and Clinical Application of A Rapid IgM-IgG Combined Antibody Test for SARS-CoV-2 Infection Diagnosis. J Med Virol 2020 Feb 27 doi: 10.1002/jmv.25727

 

 

OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DELLA STRUTTURA SANITARIA SULL’ESITO DEL TEST

L’esito negativo del test, atteso i limiti della metodica come segnalato dalle Autorità scientifiche e sanitarie, non esonera il cittadino dalle regole generali di distanziamento e di prudenza.

L’esito positivo del test, ai sensi del DM 15 dicembre 1990 e successive modificazioni, nonché del D.L. 09/03/2020 art. 14, pone obbligo alla Direzione Sanitaria e/o alla Direzione del Laboratorio di Analisi Cliniche di denunziare al servizio di Igiene pubblica della ASREM, nelle forme previste attualmente vigenti, i casi risultati positivi al kit rapido per immunoglobuline specifiche per Covid-19, con contestuale richiesta di accertamento diagnostico molecolare mediante tampone orofaringeo.

 

MODALITA’ DI ESECUZIONE DEL TEST SIEROLOGICO

Il test può essere eseguito tutti i giorni feriali dalle ore 8,00 alle ore 10,00 recandosi presso il servizio di accettazione utenza della nostra struttura, dopo adeguato periodo di digiuno notturno.

Stante le attuali disposizioni, la persona che richiede il test deve essere munito di proposta/impegnativa del medico di base con indicazione sulla stessa della urgenza (U) dell’esame.

E’ possibile ed auspicabile da parte del medico curante eseguire la prenotazione via mail direttamente al seguente indirizzo:

 accettazione@villa-maria.it

 

E’ opportuno informare l’utenza che il costo del test è di € 40,00 e che tale test non è allo stato erogabile in convenzione con il S.S.N..

CAMPOBASSO, 14 APRILE 2020

 

                                                      CASA DI CURA VILLA MARIA